innovatori e mistilingue Athesini
Login Registrazione Mappa Contatto Calendario Forum
Dossier: Art. 19 Plurilingui o Mistilingui ?
di Karl/Carlo Berger - venerdì 02/11/07
pill for abortion online abortion pill abortion pill buy online
pill for abortion online ordering abortion pills to be shipped to house abortion pill buy online
where can you buy the abortion pill pill for abortion online order abortion pill
where can you buy the abortion pill read here order abortion pill
online meet and cheat when married men cheat
married men who cheat my husband almost cheated on me types of women who cheat
catch a cheater redirect signs of infidelity
how to catch a cheat why women cheat on men redirect
how to catch a cheat My boyfriend cheated on me redirect
married men affairs go women who cheat on husbands
go click generic viagra canadian pharmacies
go open buy viagra or levitra
go open buy viagra or levitra
will my husband cheat My wife cheated on me online
will my husband cheat reasons why married men cheat online
women affair why husbands cheat My boyfriend cheated on me
women affair dating sites for married people My boyfriend cheated on me
women affair dating sites for married people My boyfriend cheated on me
why do wife cheat why do guys cheat
wifes who cheat married men who cheat redirect
click go wifes that cheat
cheat women redirect how many men have affairs
women who like to cheat reasons wives cheat on their husbands my boyfriend cheated on me with a guy
i cheated on my husband affair dating sites dating sites for married people
website morning after pill abortion what to expect with the abortion pill
why do women cheat with married men read reasons why wives cheat on their husbands
why wives cheat on husbands redirect my boyfriend cheated on me with my mom
wifes that cheat website why women cheat with married men
why do wife cheat why women cheat on their husband read here
phone spyware for android phone spy free spy camera android
my boyfriend cheated on me with my best friend link i had a dream i cheated on my boyfriend
why women cheat on men go married men cheat
why do women cheat on husbands maryaltmansblog.com.nobullsoftware.com married men who have affairs
why do women cheat on husbands boyfriend cheated on me married men who have affairs
photo coupon codes click discount prescriptions
walgreens photo promo code 2015 site walgreen printable coupons
free coupons online dificultadesdeaprendizaje.com walgreens promo
discount prescription site free coupons
cvs for sale prescription drug card copay cards for prescription drugs
sumatriptan 100mg bistromc.org amoxicillin
cipro doxycycline pill propranolol 40mg
cipro yovi.info propranolol 40mg
new prescription coupon discount prescription coupons transfer prescription coupon
coupons for viagra softballspa.com free viagra coupons
pfizer viagra coupons modelosguayaquil.com drug coupon
viagra coupons 2016 open new prescription coupon
want my wife to cheat open my wife cheated on me with my father
can i take antabuse and naltrexone can i take antabuse and naltrexone can i take antabuse and naltrexone
can i take antabuse and naltrexone can i take antabuse and naltrexone can i take antabuse and naltrexone
lisinopril and ehlers-danlos lisinopril and ehlers-danlos lisinopril and ehlers-danlos
are abortions free cost of medical abortion abortion by pill
cialis prescription coupon fem-choice.com free prescription discount cards
abortion clinics in dallas tx abortion research paper getting pregnant after abortion
bystolic discount card tudorza patient assistance
cialis.com coupon site coupons for prescriptions
home remedies for abortion pictures of abortions abortion techniques
home remedies for abortion abortion experiences abortion techniques
cialis coupon cialis coupon cialis coupon
cialis coupon cialis discount coupons online free prescription drug cards
sumatriptan injection sumatriptan injection sumatriptan injection
cialis ou viagra http://cialis20mgsuisse.com/ou/viagra cialis ou viagra
discount card for cialis open discount cialis uk
lilly cialis coupons prescription discount coupon manufacturer coupons for prescription drugs
lilly cialis coupons prescription discount coupon manufacturer coupons for prescription drugs
motilium chien click motilium 1mg/ml
detrola detrola radio distroller
diflucan halmed gruene-kehl.de diflucan tbl
flagyl alkoholi flagyl annostus flagyl kuuri
cialis coupons free coupon for prescriptions coupon for prescriptions
abortion rights abortion pill stories abortion procedures
nootropil 800 mg nootropil buy nootropil piracetam
voltarenplast voltarene 100 voltarene
cialis sample coupon free cialis coupons cialis.com coupons
abortion pill cost aictmkulahospital.org pill abortion
coupons for cialis printable coupon for free cialis cialis coupon card
coupons for cialis printable slb-coaching.com cialis coupon card
cpt code for dilation and curettage abortion 12 weeks to have an abortion
potenzmittel apotheke viagra kaufen apotheke osterreich pflanzliche potenzmittel
vermox spc blog.idilbaby.com vermox alkohol
vermox doziranje vermox sirup cijena vermox tablete nuspojave
priligy thailand hieple.net priligy 60 mg
cialis prescription coupon cialis coupon 2015 coupons cialis
amoxicillin dermani haqqinda amoxicillin antibiyotik fiyat amoxicillin nedir
vermox prodej vermox cena vermox spc
average abortion pill cost agama-rc.com abortion pill centers
cialis coupon codes unbosqueparaelplanetatierra.com cialis trial coupon
discount codes alsarayabahrain.bh free coupon printing sites
coupon viagra alpinmontservis.cz petmart pharmacy coupon code
strattera prescription discount strattera coupon for strattera
strattera prescription discount strattera coupon for strattera
spontaneous abortion pill buy abortion pill free abortions
amoxicillin al 1000 amoxicillin amoxicillin
clomid testosterone clomid proviron pct clomid proviron
the abortion pill abortion pill cost without insurance abortion pill questions
cost of abortions abortion pill laws natural abortion pill
vermox vermox sirup vermox cena
abortion pill alternatives abortion pill definition abortion pill law
coupon for prescription cialis sample coupon discount coupon for cialis
coupons for prescriptions prescription drugs coupons free cialis coupon
anti abortion pill how much is a abortion pill side effects of abortion pill
anti abortion pill what is an abortion pill side effects of abortion pill
viagra recenze thebaileynews.com viagra online
abortion procedure low cost abortion pill abortion pill services
abortion procedure low cost abortion pill abortion pill services
amoxicillin aldwych-international.com amoxicillin antibiyotik fiyat
(Il Dossier qui allegato può essere visualizzato e scaricato cliccando sul link qui di seguito indicato nell'area download)
 

Dossier: Art. 19 Plurilingui o Mistilingui ?

La TagesZeitung del 14.08.2007, nella rubrica “Lettera all’Editore” pubblica:

Le preoccupazioni di un’insegnate tedesca, ovvero

«La nostra lingua – La nostra cultura – La nostra storia»

«Unsere Sprache – Unsere Kultur – Unsere Geschichte»


di Katrin Mall, insegnante:

„Ciò che ingarbuglia e rimuove la lingua o che in un qualsiasi modo ne turba il chiaro e forte flusso, soffre anche dell’influsso, dello scompiglio e del turbamento di tutto il popolo“ E-M. Arndt (1769-1860).

Negli ultimi tempi s’accumulano notizie sull’istruzione mistilingue dei Südtiroler nelle scuole e negli asili. Si è considerati come persone “hinterwäldnerisch“ (che “vivono lontane dal mondo”) se non si condividono questi modi di vedere. Sembra proprio che in molte menti sia assai presente la preoccupazione di apprendere troppo poca “multicultura” e troppo poca “cultura guazzabuglio”.

In una società che a vista d’occhio è caratterizzata dalla caduta dei valori e dal quasi inarrestabile annacquamento della nostra lingua tedesca, della nostra storia e cultura tirolese: proprio in questi tempi di “radicale cambiamento” - dove fra l’altro anche diverse culture straniere rosicchiano - è più importante che mai non perdere le nostre radici.

Il che si può ottenere solo se nelle scuole tedesche la lingua tedesca e l’apprendimento della nostra storia prenderanno nuovamente un loro ruolo primario. È di grande importanza rinforzare questi nostri valori. La conoscenza della nostra storia ha raggiunto un preoccupante basso livello; il livello della nostra lingua in diverse scuole tedesche è sceso in modo spropositato.

Se non riusciamo a porvi un freno, diveniamo delle persone prive d’identità nel nostro paese/Land

Katrin Mall, Lehrerin

La lettera mi offre lo spunto per approfondire il tema

Art. 19 Statuto d’Autonomia – immersione linguistica ?

Da persona libera da qualsiasi preconcetto contro i miei concittadini che ritengono pienamente realizzata la loro peculiare identità aderendo in pieno alle “linee guida” del partito da loro liberamente scelto, la SVP, vorrei tentare di analizzare, sulla base delle relazioni dei più diretti responsabili dell’interpretazioni ortodossa secondo SVP dell’art. 19 dello Statuto d’Autonomia, il delicato problema dell’immersione linguistica in Alto Adige, per raffrontare poi le loro enunciazioni con alcuni significativi interventi da parte italiana, Per tentare di capire la spinosa materia solo con il buon senso accumulato in una lunga vita di cittadino della ”terra lungo l’Adige e fra i monti” “Land an der Etsch und im Gebirge” la spinosa materia.

Prima di affrontare il tema dell’Art. 19, preferisco spendere alcune parole e proposito del

“livello preoccupante raggiunto dalla conoscenza della nostra storia” segnalato dalla sig.ra Mall.

È questa, in effetti, una sconfortante constatazione. Come migliaia e migliaia di reperti archeologici giacciono solitari nelle ben curate, ma silenziose ed abbandonate sale di importanti musei, migliaia di notizie e documentazioni concernenti la storia della nostra terra “prima dell’avvento dei Tirolo” si nascondono fra le falde di innumerevoli volumi ben allineati nelle varie biblioteche della Provincia, e solo pochi addetti al mestiere ne conoscono la portata ed importanza ai fini della conoscenza della nostra storia e della cognizione esatta delle nostre radici.

Ho già scritto in altre occasioni che a volte si ha l’impressione che, per molti addetti alla cultura, ma specialmente all’istruzione scolastica, la creazione del mondo coincide con l’avvento dei Tirolo nella “nostra terra fra i monti”.

Una cappa pesante di disinteresse copre la divulgazione della storia “atesina” del periodo ante-Tirolo.

Una delle principali mète che si propone ATHESIS è pertanto quella della “ricollocazione” dell’inizio dell’apprendimento della nostra storia almeno al momento della nascita dei Principati Vescovili di Trento e di Bressanone, vale a dire al 1027, e in altre parole alle “donazioni” dell’Imperatore Corrado II dei “comitati di Trento, con Val Venosta a foresta in Rittena, e di Bressanone ai Vescovi Udalrico II e Hartwig. Con il distacco di queste terre dalla Baviera e l’ inizio, quindi, di una storia autonoma del nostro “Land an der Etsch und im Gebirge”.

Storia che ci fa conoscere l’esistenza di una ricca rete di lignaggi nobiliari incastellati sulle pendici delle nostre ricche e storicamente importanti vallate, la presenza di numerosi “comitati” (o Contee) con stirpi comitali largamente imparentate fra loro, multietniche, che segnano l’evolversi delle vicende di un “territorium” dal quale emergono luminosi ed indimenticabili personaggi, molteplici episodi, senza la conoscenza dei quali risulta impossibile capire ed inquadrare in una nuova luce, più indipendente se non critica, la semplificata storia del Tirolo, di Andrea Hofer ecc.

Alla gentile insegnante Katrin Mall il garbato suggerimento di parlare ai propri scolari/studenti anche dei Primi Conti di Bolzano, dei Morit Greifenstein, degli Appiano, dei Wanga, dei Mazia, dei Tarasp, e poi dei nobili di Tures, dei Velturno, dei Villandro, degli Enn e delle loro molteplici giurisdizioni dall’Alta Val Venosta fino all’Alta Val di Non.

Per arrivare a “scoprire”, nella giusta luce storica, la nascita dei Conti di Tirolo, il loro apparentamento con i nobili di Wanga, e poi con i Conti di Gorizia, ecc. ecc fino alla donazione della nostra ”terra Athesis” ai Duchi d’Austria.....

Ma La gentile insegnante sig.ra Katrin è preoccupata per l’istruzione mistilingue nelle scuole tedesche.

E parla di corsa all’apprendimento di “mai troppa” multicultura e cultura guazzabuglio”, di “caduta dei valori e dell’inarrestabile annacquamento della nostra lingua tedesca, ecc. ecc.

In merito alla “multiculturalità” sentiamo subito una definizione (assai complicata ad onor del vero) di

a) Bruno Hosp: “Multiculturalità – un’illusione ?”

Potrei spiegare il principio dell’Etica dell’Identità:

Abbiamo asili e scuole tedesche fino all’esame della maturità. Il principio è quello della scuola monolingue. Il che significa: Studenti tedeschi frequentano normalmente scuole tedesche, gli studenti italiani una scuola italiana. Nella scuola tutte le materie d’insegnamento – eccetto naturalmente la seconda lingua e la lingua straniera – sono insegnate nella lingua materna.

Ed il secondo importante principio è che l’insegnamento deve essere impartito da insegnanti che hanno la stessa lingua materna. Quindi; nelle scuole tedesche insegnano docenti di madrelingua tedesca, nelle scuole italiane insegnanti di madrelingua italiana.

L’insegnamento della seconda lingua – vale a dire l’italiano nelle scuole tedesche ed il tedesco nelle scuole italiane - inizia, tuttavia, già presto, dalla prima o seconda classe delle scuole elementari. . - -

Il principio delle scuole monolingui assicura che i fanciulli e gli adolescenti possano crescere scolasticamente nella loro propria cultura, che essi prendano dimestichezza con la cultura alla quale appartengono, che essi possano impadronirsi di tutto il mondo vitale nella loro propria lingua e terminologia.

Multiculturalità: L’utopia della “multiculturalità” dovrebbe, secondo l’idea, rafforzare la capacità di compromesso e l’accettabilità della pluralità poggianti sull’identità, e trasferirle all’interno del singolo individuo e della micro-comunità, ma verrebbe appunto da questo di fatto annacquata perché l’identità presuppone sempre l’unicità con sé stessa - e non la molteplicità –

Quindi al posto della multiculturalità dovrebbe subentrare l’idea dell’interetnicità.

Io non so a quale specifica situazione attuale si riferisca la Signora Mall, ma è pur vero che, come nel 1996

b) Bruno Hosp: “totale immersione” ha scritto:

«Il Deputato di “Forza Italia” Franco Frattini, con la sua recente proposta di introdurre la “totale immersione” già dalla I. classe non solo nelle scuole popolari e Medie italiane ma anche in quelle tedesche si è dimostrato una volta di più quale “falco”, che così ragiona non oggettivamente ma per tattica politica. Se Frattini radicalizza subito la proposta di compromesso del Landeshauptmann Durnwalder di istituire delle sezioni tedesche nelle scuole italiane, e pretende che tutte le materie nelle scuole elementari siano insegnate al 100% in lingua tedesca, allora diventa subito chiaro dove sta il vero punto d’attacco delle sue fatiche: la graduale infiltrazione delle scuole tedesche.

In effetti, con sorprendente chiarezza Frattini propone che il medesimo principio valga, tutti senza eccezione, anche per le scuole tedesche; Immersone al 100% nell’Italiano per gli scolari tedeschi già dalla prima classe. La motivazione: a casa i ragazzi parlano in ogni caso nella lingua materna, ed allora a scuola potrebbero tranquillamente usare esclusivamente la seconda lingua ....

Va innanzi tutto tenuto in debita considerazione che la “lingua popolare” da noi è il dialetto e che la lingua “alta”, letteraria, per i nostri fanciulli ha la valenza di una lingua straniera, che chiede molti sforzi per un corretto apprendimento. Ci s’immagini concretamente che – come richiesto da Frattini – già in età scolare s’inizi con una “100% immersione” in una lingua non materna. Ciò equivarrebbe – particolarmente alle condizioni sudtirolesi nelle quali il gruppo etnico tedesco e quello italiano vivono strettamente ancorati fra di loro in uno stretto “territorium” – assolutamente senza dubbio alla totale perdita della lingua madre, alla sparizione del gruppo etnico tedesco.»

c) Bruno Hosp: Si al plurilinguismo, no al mistilinguismo. Ha scritto

Già in passato il Governo provinciale ha continuato ad operare per incentivare il plurilinguismo della nostra scuola. Questo anche mediante vaste concessioni al gruppo linguistico italiano, concessioni strettamente al confine dello Statuto di Autonomia. Così i già quattro anni fa ho proposto di accordare alle scuole italiane un aumento delle lezioni di tedesco. Ciò in ogni caso alla condizione di una ulteriore garanzia per la scuola tedesca.

l governo provinciale ha anche proposto al gruppo linguistico tedesco di rendere possibile, con determinate premesse, addirittura un insegnamento bilingue per i bimbi di cinque anni negli asili. In merito si svolge attualmente un tentativo in alcuni asili italiani prescelti. Io sono d’accordo con queste decisioni del Governo Provinciale. Desideriamo decisamente incentivare il plurilinguismo.

Plurilinguismo non significa tuttavia mistilinguismo.

La convivenza nella nostra Provincia/Land non sarebbe favorita da una cultura mistilingue.

Si tratta invece di garantire lo spazio per il dispiegamento degli specifici interessi culturali. Libertà nell’auto-dispiegamento è l’attuale via da percorrere - non l’”integrazione” che per noi, nella nostra situazione, equivarrebbe solo ad un’assimilazione.

Molti anni sono passati e il problema sta lentamente maturando. In ogni caso, è evidente che la gentile insegnante Katrin Mall, quando parla di mistilinguismo, e si sente preoccupata segue docilmente le direttive del suo partito.

Per meglio oomprendere proviamo, allora, a rifarci brevemente alle origini:

Le premesse

a) L’accordo De Gasperi Gruber (5 settembre 1946) così recita:

“per salvaguardare il carattere etnico e lo sviluppo culturale ed economico del gruppo di lingua tedesca, ai cittadini di lingua tedesca sarà specialmente concesso:

A) l’insegnamento primario e secondario nella loro lingua materna....

b) Testo unificato delle leggi sullo Statuto speciale per il Trentino-Alto Adige – Titolo I – Capo IV – c)

Art. 19. (1) Nella provincia di Bolzano l’insegnamento nelle scuole materne, elementari e secondarie è impartito nella lingua materna italiana o tedesca degli alunni da docenti per i quali tale lingua sia ugualmente quella materna.

Nelle scuole elementari con inizio dalla seconda o dalla terza classe, secondo quanto sarà stabilito con legge provinciale su proposta vincolante del gruppo linguistico interessato, e in quelle secondarie è obbligatorio l’insegnamento della seconda lingua che è impartito da docenti per i quali tale lingua è quella materna.

c) Il “Nuovo Programma della Südtiroler Volkspartei (Merano 8 maggio 1993) d)- Parte II: la società libera, giusta e solidale” afferma

“Legame con spazi culturali:

“ ...il rafforzamento della propria cultura ed in particolare “della madrelingua va visto come la premessa per la formazione dei rapporti con altri gruppi linguistici e nazionalità.” Ed ancora:

Politica linguistica:

Nella politica dell’istruzione sudtirolese la politica linguistica rappresenta un aspetto essenziale. Il diritto all’istruzione nella madrelingua è assoluto, da attuare secondo le migliori possibilità e da introdurre anche nell’istruzione superiore.”

La decisione

Landeshauptmann Luis Durnwalder – nel dicembre 2002 e)

An Artikel 19/Autonomiestatut wird nicht gerüttelt – wir lassen uns auf keinen Handel ein, eine gemischte Schule darf es nicht geben. Wenn wir als Minderbheit die Schule aufgeben, dann können wir „zusammenpacken“.

So lange ich Landeshaupmann bin wir es auch in Zukunft keine gemischsprachige Schule geben. Sont wäre alle Opfer in den Zwanziger Jahren umsonst gewesen.

Es heißt aber nicht, daß nicht alles unternommen wird, um die Methoden des Zweisprachenunterichtes zu verbesser.

L’art, 19/Statuto di autonomia non si cambia – non intendiamo entrare in una discussione; una scuola mulilingue non deve esserci. Se da minoranza rinunciamo alla scuola possiamo “fare fagotti”.

Fino a che io sarò capitano della Provincia anche in futuro non esisterà una scuola plurilingue. Altrimenti tutti i sacrifici degli anni venti sarebbero stati inutili.

Però non vuol dire che non venga intrapreso tutti quanto per migliorare i metodi dell’istruzione della doppia lingua.

... ma la gentile insegnate Katrin Mall si dimostra preoccupata delle deleterie conseguenze di un’istruzione mistilingue che pare ormai imporsi nelle scuole e negli asili tedeschi, a scapito, naturalmente, dell’apprendimento pieno ed approfondito della “sua” lingua da parte degli studenti tedeschi.

Gli uomini di partito della SVP hanno tenacemente combattuto, ed infine vinta la battaglia per il riconoscimento istituzionale dell’insegnamento e dell’uso della madrelingua tedesca, ma ora, prima ancora di essere attuato integralmente a tutti i livelli d’insegnamento, si fanno avanti nuove esigenze – di indirizzo contrario alla prima rivendicazione – che nulla hanno a che fare con gli accordi De Gasperi Gruber.

Le forme dialettali:

Scrive Egon Kühebacher, f):

È noto che ogni forma dialettale ha solo un campo di validità localmente limitato e non è un bene comune dell’intera comunità di una nazione linguistica.

Esistono notoriamente ancor oggi delle lingue vive che sono soltanto delle lingue parlate. La lingua parlata non solo è molto più importante, ma anche più antica di quella scritta.

Anche la nostra madrelingua tedesca ha vissuto fino all’alto Medioevo quasi esclusivamente come lingua parlata e solo dal XIII secolo fu gradualmente tradotta in scrittura. E con questa traduzione iniziò la normalizzazione...

Per quanto riguarda gli altoatesini di lingua italiana, sappiamo che non esiste fra noi un’autoctona lingua italiana e non potrebbe neppure esserci, poiché gran parte degli Italiani è qui immigrata appena nel corso degli ultimi ottanta anni dalle più diverse aree dialettali italiane ed hanno dovuto perciò servirsi, come mezzo di comunicazione, della loro lingua “standard”. Anche i figli ed i nipoti degli immigrati italiani parlano solo la lingua letteraria (alta)

Alla lingua italiana nel "Südtirol" manca quindi di fatto il supporto dialettale e ciò che gli altoatesini di lingua italiana hanno in comune è solo la lingua ufficiale che, a detta di glottologi italiani, non è però una “lingua viva” e potrebbe in sostanza essere definita quale “italiano altoatesino”

Il "Südtirol" comprende quindi una parte dell’area linguistica tedesco-tirolese ed una ladina, in quanto nell’ultimo secolo – in Val d’Adige, da Merano in giù, erano residenti già da prima anche degli italiani; i quali , tuttavia, fino ad oggi non si sono uniti in una compatta comunità nazionale. Dal punto di vista scientifico non si può quindi affermare che nel "Südtirol" esistano tre gruppi linguistici completamente paritetici.

Anche se nel "Südtirol" all’italiano manca il supporto linguistico, anche il tedesco dispone per la sua lingua parlata una base assai esile. La “Hochsprache” (lingua alta, letteraria) tedesca ha quasi solo una funzione di lingua scritta, come lingua parlata la maggioranza dei Südtiroler ha una perfetta familiarità solo con il dialetto.

Nel "Südtirol" la cooperazione del dialetto tedesco con la lingua letteraria non vuole funzionare bene poiché il polo dialettale è assai più forte di quello letterario e non può quindi svilupparsi un sano ambito conflittuale al centro del quale sia realizzabile una forma sovra-dialettale. Manca la lingua parlata (linguaggio colloquiale) parimenti distante dai due poli ed in grado di metterli in comunicazione fra loro. Senza di essa il dialetto e la lingua letteraria si dimostrano troppo distanti.

La superdialettale lingua parlata non va considerata un’annacquata lingua letteraria, (un inarrestabile annacquamento della nostra lingua tedesca, lamenta l’insegnante Katrin Mall), e neppure una lingua letteraria inselvatichita, ma l’anello di congiunzione, con il quale lo strato linguistico base con la norma si fonde da madrelingua in un tutto.

Come dovrebbe parlare l’interprete di un Signore dalla città, di un medico, di un parroco o di un avvocato? Non si presta tanto il dialetto locale, quanto la Hochsprache (lingua letteraria) ma solo una forma verbale super-dialettale che, in ogni caso, è realizzabile solo con difficoltà.

Il superdialettale sudtirolese è la lingua parlata bavarese/austriaca con colorazione tirolese. Nel Tirolo meridionale, tuttavia – specialmente nell’ambito della lingua ufficiale –nella madrelingua tedesca si sono infiltrati ogni sorta d’italianismi, ma non per questo è lecito parlare di un Tedesco Südtirolese. Al contrario vanno presi tutti i provvedimenti affinché un "Südtiroler Deutsch” non possa mai svilupparsi.»

Fin qui Egon Kühebacher.

Ma il problema del tedesco dialettale affligge molti insegnanti che non si sentono di lasciar affluire sul mercato del lavoro delle nuove leve incapaci, al limite, di formulare in un corretto tedesco una lettera commerciale, un documento commerciale, una petizione legale...

Per comprendere la strana atmosfera che si è creata nelle scuole proviamo più semplicemente, a sentire gli ironici commenti di un Kronbichler che stigmatizza: “per un voto ad uno scolaro è irrilevante che in un tema egli indichi il Sass de Pùtia in Val Venosta. Importante è che lo faccia in un tedesco senza errori”. Oppure inversamente; “non deve importare nulla se soluzioni matematiche sono descritte in un tedesco scorretto. Importante è che siano giuste! “

Ed ancora Kronbichler: “E si affatica e si difende il “grande partito” per come fare a mantenere tedesca la scuola tedesca ed italiana quella italiana, e fa segno e minaccia con l’”Art. 19” e cosa ottiene? Nulla. La scuola fa ciò che vuole. Lo fanno gli insegnanti e gli scolari ancor di più...”

Scrive Bruno Hosp, g):

L’associazione “Il Ponte – die Brücke“ appena recentemente in una lettera circolare, sotto il pretesto dell’incentivazione della convivenza pacifica di creare delle scuole “bi o tri-lingui”. Il che detto chiaro e tendo non significa altro che creare un nuovo modello di scuola in concorrenza con quello già esistente. L’Art, 19 dello Statuto di Autonomia, che garantisce il diritto all’insegnamento nella lingua materna, si vorrebbe lasciare mai toccato, come “il ponte” ammette; è, a questo proposito, null’altro che una presa in giro, confina addirittura alla falsità.

Nello stesso campione di argomentazioni finiscono anche tendenze, come quella del rappresentante della Chiesa Don Paulo Renner che “ai fini della pacifica convivenza” suggerisce di creare una “scuola bilingue”. Renner non ammette che con simili sconsiderate iniziative egli non promuove in alcun modo la pace, ma al contrario destabilizza la pace faticosamente raggiunta.

Nella stessa argomentazione finisce del resto anche lo strano tentativo dell’attuale [anno 2002] Presidente della Commissione dei 6, Guido Rispoli di esortare i ragazzi ad un’interruzione dell’insegnamento bilingue, per imporre la scuola mistilingue.....

Se gli Italiani nelle loro proprie scuole non sono in grado di insegnare sufficientemente il tedesco, si dovrà assolutamente provare altre forme di insegnamento della lingua tedesca. Si deve, in pratica, migliorare l’insegnamento. A questo fine non si dovrà però mettere in forse la struttura legale. Per aiutarvela maggioranza della popolazione italiana di imparare meglio la lingua tedesca, non può voler dire togliere alla popolazione minoritaria tedesca la sua scuola protetta per trasformarla in una scuola ibrida.

Siccome posso comprendere il desiderio degli italiani ad un miglioramento e ampliamento dell’insegnamento bilingue, già agli inizi del 1997 ho presentato la seguente proposta:

Nelle scuole italiane dovrebbe sorgere la possibilità di tenere in lingua tedesca circa dal 30 al 33% delle lezioni settimanali, vale a dire circa 10 ore settimanali, con la premessa che ogni materia rimanga insegnata con un minimo di un’ora settimanale anche nella lingua materna italiana.

Questo significherebbe che, per esempio, le tematiche di storia o di geografia possono essere svolte parzialmente in tedesco, in ogni caso però almeno per un’or nella madrelingua italiana. Questa procedura sarebbe così compatibile con l’Art. 19 dello Statuto d’Autonomia.

Contemporaneamente con quest' apertura dovrebbe accompagnarsi una protezione delle scuole tedesche, per prevenire il pericolo che gli esperimenti delle scuole italiane possano trapiantarsi anche alle scuole tedesche. Questo partendo dalla convinzione che il gruppo etnico tedesco, quale minoranza, non possa permettersi di cimentarsi con gli esperimenti scolastici che la scuola italiana desidera e con i quale essa non rischia nulla, potendo costruire sull’intero retroterra italiano.

Ma sentiamo ancora Bruno Hosp, h):

E se Don Paulo Renner dà da intendere; quanti più fanciulli italiani frequentano gli asili tedeschi, tanto meglio sarà del resto anche per i bimbi tedeschi, poiché questi dovranno poi essere istruiti nella lingua letteraria (Hochsprache) invece che in dialetto, ciò è altrettanto assurdo quanto distorcere consapevolmente la verità.

Renner sa benissimo che da lungo tempo esistono delle direttive da parte della competente ripartizione provinciale di servirsi, nell’insegnamento ufficiale negli asili e nelle scuole solo della lingua letteraria (Hochsprache) affinché i nostri fanciulli accanto al dialetto, che gia parlano a casa loro, imparino anche il tedesco aulico.

Questo non ha nulla a che vedere con il numero dei bimbi negli asili tedeschi. Al contrario: più bambini italiani frequentano asili e scuole tedesche senza una sufficiente conoscenza del tedesco, tanto più basso sarà, come dimostrabile, il livello della lingua tedesca e tanto lento il progredire dei bambini tedeschi, per i quali

Veramente questi asili sono qui.

Questo è dimostrabile statisticamente e di là da ogni dubbio.»

È noto che recentemente Durnwalder ha ribadito queste sue affermazioni (vedi sopra) confermando che nelle scuole tedesche non sarà ammesso l’insegnamento dell’italiano.

Alla reazione della popolazione tedesca che, anch’essa, ora ricorre alla ”scuola delle catacombe” pur di insegnare l’italiano ai propri figli, egli reagisce affermando che nulla vieta loro di sopperire con corsi privati, ma naturalmente a proprie spese.

Ed ecco qui le mie personali considerazioni da mistilingue.

Con malcelata commozione ho avuto il piacere, in montagna di assistere p. es. alle nozze mistilingui di una leggiadra fanciulla di una nobile, o comunque stimata, famiglia locale con un aitante giovane affermato professionista italiano. Lei in un ricco vestito bianco con strascico sostenuto da candidi angioletti, lui in perfetto gessato. Genitori ed amici, naturalmente commossi, abbracci e baci fra la nuova parentela, anche se in gran parte a conoscenza solo della lingua italiana, auguri, auguri ...

Si chiude però qui l’era tedesca della fortunata sposa, si apre una nuova era mistilingue per lo sposo.

Lo scenario cambia: lentamente, lentamente l’affetto, l’entusiasmo per la nostra splendida natura passa in secondo ordine; lui appassionato di vela sul Lago d Garda sposta inavvertitamente gli interessi della famiglia al Trentino; non più audaci gite sulle nostre Dolomiti, ma brevi viaggi alle Maldive....In famiglia si parla di politica: non più però con esclusivo riferimento alla Sammelpartei; gli orizzonti politici si allargano, ed anche le discussioni. Inutile dirlo siamo già una famiglia mistilingue.

Nascono i figli: tedeschi, italiani ? ecco il problema dell’asilo, della scuola. Il villano scherno dei compagni: “Tu crucca” “ Du Walscher Du”. Scuole superiori: disagio, disagio, disagio: istruzione e carriera scolastica solo in tedesco, solo in italiano? Pregiudicando sin dall’inizio l’avviamento alle università austriache o italiane?

Recita la

e) Parte I del “Nuovo Programma della "Südtiroler Volkspartei”, Merano 8 maggio 1993.

1) Valori fondamentali.

e) Base di partenza l’autonomia.

“L’autonomia raggiunta costituisce una base concreta per l’ulteriore sviluppo del Sudtirolo in direzione di una società costruita sul principio di sussidiarietà, nel quale vengano i realizzati i valori di libertà, uguaglianza, solidarietà e giustizia”

Questi valori, ad onor del vero, dovrebbero già di per sé evidenziare la profonda differenza dei mistilingue dai concittadini del gruppo etnico tedesco o italiano.

e) “Libertà:

Libertà ed eguaglianza delle opportunità sono autentiche basi per la protezione dei più deboli. “

Ed ecco che in questo caso i “più deboli” sono fatalmente i mistilingue impossibilitati a dimostrare quanto sia inumano costringere un figliolo mistilingue ad apprendere correttamente solo la lingua della madre e non quella del padre, o viceversa.

e) “Giustizia:

La giustizia non è nemmeno concepibile senza l’eguaglianza giuridica e senza l’irrinunciabile tutela della dignità umana.”

Dignità umana offesa da disposizioni di legge che impongono all’individuo di dichiararsi ipocritamente appartenenti al gruppo etnico italiano o tedesco quando i genitori, e fors’anche i nonni, solo tedeschi o solo italiani non lo sono mai stati.

e)“Solidarietà:

La solidarietà senza la parità nella dignità e nelle opportunità è soltanto una forma di carità.”

Solidarietà nel caso dei mistilingue equivale a riconoscere che è inutile dire loro: dichiaratevi per la scuola tedesca (senza l’insegnamento italiano) o pagatevi dei corsi separati.

Molte famiglie sono umiliate ed oppresse dalla constatazione di non riuscire a reperite i mezzi finanziari per gli studi dei propri figli. Ed ora si trovano di fronte al dilemma: che studino solo la lingua del padre, o solo quella della madre: la Provincia vi nega solidarietà e la possibilità di coltivare una vostra cultura consona alla posizione etnica della vostra famiglia.

e) “Sussidiarietà: .

La Südtiroler Volkspartei è a favore di un’efficace collaborazione sociale, che sia garante della tranquillità, del benessere e del progresso so ciale”

Attendiamo, in effetti, dalla SVP un’efficace collaborazione sociale. Nella comprensione che per mistilingui il plurilinguismo è già una situazione di fatto nella lingua parlata che, tuttavia, ha bisogno di essere supportata dall’istruzione letteraria relativa, e non in una lingua sola, che permetta loro di non dover rinunciare a scrivere e lavorare correttamente sia nella lingua del padre che in quella del padre. Non si corre qui affatto il rischio della assimilazione etnica perché siamo già in presenza di una comunità plurietnica, fuori dagli schemi della protezione prevista dallo Statuto d’Autonomia.

.

e)“Valori di fondo: Gli ideali cristiani-sociali-liberali ai quali s’ispira la Südtiroler Volkspartei forte dei.... rimangono) parte insostituibile per la gestione del futuro.”

“Tali ideali comprendono la democrazia, la tolleranza, il pluralismo interno, la valorizzazione di tutte le componenti della società, la giustizia sociale nei confronti degli strati meno forti della società.”

In base a tali valori la “Sammelpartei” riconoscerà il suo dovere, la sua convenienza, a non “inquinare” la sua compagine popolare (Volk), ricca di tradizioni, di fede, di folklore, pattriotismo, con elementi che per la loro multietnicità non rivestono più la peculiarità südtirolese, tutta proiettata a difendere la sua Heimat, la sua storia, Andreas Hofer ed il Kanonikus Gamper.

È giunto il tempo di apprezzare l’esistenza di una comunità di persone che per la loro natura multietnica e mistilingue può rappresentare un’utile zona neutra fra i due gruppi etnici ......

Ma continuiamo la lettura delle enunciazioni del Programma della SVP:

e) Movimenti di cittadini e coraggio delle decisioni:

Forze spontanee nella popolazione rappresentano, nel senso della democrazia di base, un prezioso arricchimento del pluralismo politico e sono espressione della partecipazione individuale dei cittadini ai destini della comunità. Esse sono considerate come complementari all’azione politico-istituzionale dei rappresentanti eletti del popolo. Ciò significa che le proposte e le richieste dei cittadini stimolano i rappresentanti eletti ad un agire aderente alla volontà della base, ma esse non possono esimere dalla responsabilità di prendere le decisioni ultime e portarne la responsabilità.

Il movimento ATHESIS, forza spontanea nella popolazione, espressione della partecipazione individuale dei cittadini ai destini della comunità, intende stimolare i rappresentanti eletti nella SVP ad un agire aderente alla volontà della base (in questo caso mistilingue), ed insistono sull’assoluta necessità che, accanto a tre gruppi etnici previsti dallo statuto d’autonomia si riconosca l’indubbia presenza di una comunità che non può considerarsi né chiaramente tedesca né esclusivamente italiana e tanto meno ladina.

Che specialmente nel campo dell’istruzione si provveda a studiare soluzioni legislative permettano a questi concittadini di raffinare contemporaneamente nelle due loro lingue la loro cultura nello spirito della pacificazione fra le etnie loro connaturate.

Athesis ritiene che sia venuta l’ora di tener conto di quanto, p. es. ...

....Riccardo della Sbarba, Presidente del Consiglio Provinciale h scritto in merito ai mistilingue:

« Gli ultimi dati sulla composizione linguistica dei nuclei familiari in Sudtirolo risalgono ai censimenti del 1971, del 1981 e agli aggiornamenti anagrafi ci del 1990: i nuclei con partner di lingua diversa erano rispettivamente 3.800, poi; 8.500 e infine quasi 14.000. Che in percentuale fa il 5% nel I 1971, il 10% nel 1981, il 15% nel 1990. Ad oggi, ottobre 2005 dovrebbero essere arrivati al 23%, più numerosi non soltanto dei nuclei solo ladini, ma anche di quelli solo italiani. E questo supponendo una crescita lineare, mentre i demografi sono convinti che la crescita delle coppie miste sia esponenziale. E concentrata nelle città maggiori (per cui immaginatevi la situazione di Bolzano).

Anche se la politica non la vede, la pianta interetnica cresce. Alla fine basta una distrazione - e hoplà! spunta perfino nella serra Svp. »

E in questo novembre 2007? = 34-36% ???=

,.

e) Spazio di sviluppo per tutti

La Südtiroler Volkspartei saluta e sostiene il fatto che genitori e figli, nei matrimoni misti, cerchino il loro spazio di sviluppo nei gruppi etnici tedesco e ladino e nella rispettiva cultura.

ATHESIS non può assolutamente condividere queste enunciazioni contenute nel (5) “Nuovo Programma della Südtiroler Volkspartei” – Merano 8 maggio 1993, perché per i genitori e figli mistilingue, in quanto nati da matrimoni misti, “cercare spazio di sviluppo” in uno o l’altro gruppo etnico significa tradire lo spirito di concordia etnica, di neutralità politica, di messaggio di una nuova pacifica convivenza superetnica e plurilingue, intrinseco nella promessa di reciproca comprensione e condivisione degli ideali di intesa e pace fra i concittadini di diversa etnia

Per la Südtiroler Volkspartei

e) “Le radici dei diritto alla patria stanno nel riconoscersi nei valori della storia, della cultura, della tradizione e della libertà.”

Pare del tutto chiaro che i figli di genitori di diversa etnia non possano più riconoscersi con l’entusiasmo di veri "Südtiroler” nei valori della storia, della cultura, della tradizione del gruppo etnico tedesco-tirolese. Perché nel loro animo sono stati inculcati contemporaneamente analoghi valori della storia, della cultura e della tradizione cari nell’animo dell’altro coniuge.

I mistilingue, plurietnici costituisco certamente una parte viva, autoscosciente della sua forza d’intermediazione e di diversificazione fra i due gruppi etnici, una comunità di cittadini che vive con distacco la politica, ma che non intende essere ignorata o sprezzata come a suo tempo i “Dableiber”=”optanti per l’Italia.

Essa costituisce una riserva attiva di voti nelle elezioni provinciali e politiche alla quale potranno attingere i partiti che meglio sapranno dimostrare il rispetto verso le esigenze di questa parte della società nel seno della quale, non più da avversarie e contendenti, ma da alleate s’incontrano, con apertura d’animo, le due etnie, italiana e tedesca, per originare una comunità di cittadini che non necessariamente si identifichino come "Südtiroler” ma, a ragion veduta, e con altrettanto amor di patria, abitanti di una Heimat da secoli chiamata das “Land an der Etsch und im Gebirge”/”Terra lungo l’Adige e fra i monti”/TERRA ATHESIS, terra madre del lignaggio degli Appiano, dei Wanga – con l’illustre Vescovo Federico padre dei famosi Codici Wanghiani ecc.; terra madre, particolarmente, della dinastia dei Tirolo, fondatrice del futuro Land Tirol.

Ma proviamo a sentire i più recenti echi di stampa da parte italiana:

Il presidente non cede: il modello plurilingue non passerà

Scuola, il "no" di Durnwalder

Dopo l'elogio al modello ladino da parte del ministro Fioroni alla Fiera di Bolzano, l'Svp stoppa ogni apertura. Ribadito il netto rifiuto a ogni immersione linguistica

di Antonella Mattioli

Il ministro Fioroni con Durnwalder

«La scuola ladina, plurilingue, come modello? Sono d’accordo: funziona nelle valli ladine e potrebbe andar bene probabilmente anche nel resto d’Italia, ma non in Alto Adige». Prende spunto dalle dichiarazioni del ministro dell’Istruzione Giuseppe Fioroni, il presidente della Provincia Luis Durnwalder per ribadire il no suo e del suo partito all’immersione e a qualsiasi modello di scuola bilingue che come tale comporti un uso veicolare della lingua.


Scusi, perché nel resto d’Italia sì e in Alto Adige no?

«Semplice. Nel resto del Paese si parla italiano: ciò significa che i ragazzi hanno già una propria identità e conoscono la loro madrelingua; in un contesto di questo tipo, la scuola plurilingue o l’immersione, di fatto sono la stessa cosa, potrebbe favorire la conoscenza dell’altra lingua. Qui invece viviamo in una terra in cui convivono due gruppi e quindi è necessario che i ragazzi imparino bene innanzi tutto la loro madrelingua».

Gli esperti però sono concordi nel dire che la scuola bi- o trilingue è la formula migliore.

«Vale al massimo per un 10% dei ragazzi. Gli altri alla fine non sanno né l’una né l’altra lingua. Mentre non ho nulla in contrario se si tengono lezioni in due o tre lingue, come avviene alla Lub, quando il ragazzo conosce già la propria lingua ed è doveroso che ne impari altre».

Questo per quanto riguarda la questione didattica, ma la vostra opposizione è innanzi tutto a difesa del gruppo etnico tedesco.

«Certo, la scuola bilingue, ovvero dove si insegni per fare un esempio matematica in tedesco e storia in italiano, ci fa paura: sarebbe la fine della minoranza tedesca. Del resto lo si vede anche nell’esperienza quotidiana: se mettiamo sei persone intorno ad un tavolo, quattro tedeschi e due italiani, la lingua parlata è l’italiano. Comunque una scuola bilingue metterebbe a rischio anche l’identità del gruppo italiano».

In che senso?

«Nel senso che già oggi abbiamo italiani che si dichiarano tedeschi».

Verissimo, ma quella è una questione di convenienza.

«No. Ci sono famiglie italiane che mandano i figli alle scuole tedesche, nascono amicizie e anche il posto di lavoro si trova in ambiente tedesco. Risultato: alla fine uno si sente più tedesco che italiano. Ma noi siamo contrari alle assimilazioni sia per un gruppo che per l’altro».

Quindi inutile farsi illusioni su un cambio di rotta.

«Per ora no. I tempi non sono ancora maturi».

E quando lo saranno?

«Forse il giorno in cui italiani e tedeschi potranno parlare ciascuno nella propria lingua, capendo però perfettamente quella dell’altro. Ma siamo ancora molto lontani. Del resto, non capisco perché si continui ad insistere sull’immersione sapendo che siamo contrari».

Perché è il metodo probabilmente più efficace per imparare l’altra lingua.

«Già oggi, se uno vuole, ci sono mille possibilità di imparare rispettivamente tedesco e italiano. Addirittura c’è la possibilità per le scuole di aumentare le ore di tedesco o di italiano fino al 50%. E siamo sempre aperti all’introduzione anche di nuovi strumenti didattici pur di raggiungere l’obiettivo. Inoltre, se uno davvero vuole imparare il tedesco, può farlo sforzandosi di parlarlo nella vita di tutti i giorni».

Cosa pensa della possibilità, offerta agli studenti di 4ºsuperiore, di frequentare l’anno nella scuola dell’altro gruppo come sta facendo, tra gli altri, Cosima, la figlia dell’eurodeputato della Svp Michl Ebner?

«È una delle tante possibilità offerte dal nostro sistema scolastico per imparare l’altra lingua».

(17 settembre 2007)

e poi ancora:

« Il disagio linguistico; Codardia civile: di Enrico

tags interni:Libera Università di Bolzano

“Codardia civile” non é termine usato di frequente. Si tratta dell’opposto di “coraggio civile”. Ritrovo l’espressione sul quotidiano Alto Adige in un commento su Rita Franceschini, magnifica rettrice della Libera Università di Bolzano. Il fatto: il 17 settembre Rita Franceschini ha parlato al congresso internazionale Multilingualism in Early Childhood, (Saarbruecken 17 e 18 settembre 2007). Il suo intervento ha il titolo:”Early Language Acquisition and Early Learning: how do we take advantage of the opportunities?”

Trovo il gli articoli proprio sul sito dell’università di Bolzano.

Il commentatore del quotidiano così si esprime:

Lub (=Libera Università di Bolzano (ndr)) protagonista del convegno sul bilinguismo di Saarbrücken, che si è concluso con la bocciatura dei corsi intensivi di lingua per i bambini immigrati, e con la conferma che nel cervello infantile c’è posto per più lingue e che questo aiuta e non ostacola le capacità comunicative. Esattamente il contrario di quello che la Svp predica. E, infatti, abbiamo i centri linguistici per i bimbi immigrati e il bilinguismo precoce è il diavolo. Forse perchè appena varcata la soglia di casa la Lub tace. Abbiamo chiesto a Rita Franceschini un’intervista su questi temi, ha detto no. Forse però la rettrice potrà rispondere ad alcuni semplici quesiti. Dove corre il confine tra prudenza dottrinale e codardia civile? E quello tra rispetto dei ruoli e servilismo? Perchè, se la signora Franceschini tace, la politica della scuola la fa l’onorevole Zeller. (m.f.)

Sembra di capire che mentre in giro per l’Europa si condivide l’idea di favorire uno sviluppo plurilingue della personalità, chi lavora a Bolzano deve astenersi dal dirlo, per paura.

tags esterni:Libera Università di Bolzano

Questo articolo è stato pubblicato Venerdì, 28 Settembre 2007 alle 12:59 pm e classificato in Le notizie, La scuola, La Politica, La ricerca, La società..

No all'immersione linguistica: e spuntano i corsi segreti d'italiano

E' iniziato un nuovo anno scolastico. E il dibattito su italiano e tedesco si è subito aperto: scuole rigidamente separate e basta, oppure scambi di un anno? Oppure insegnamento veicolare delle materie? La figlia dell'europarlamentare Ebner ha scelto lo scambio: un anno al Torricelli. Ma Durnwalder dice no all'immersione e la giunta provinciale boccia la proposta per la riforma della scuola. Gli assessori Gnecchi e Cigolla si oppongono: ora pensano al voto per gruppietnici. E intanto spuntano i corsi privati di italiano in tre asili tedeschi: a Ora, Sarentino e Cornaiano. Voi che ne pensate?

(13 settembre 2007)

Lettere - L'immersione linguistica conviene anche economicamente

PDF

Stampa

E-mail

martedì 09 ottobre 2007

di Enrico Franco (Corriere dell'Alto Adige)

Rovesciando la prospettiva su un piano economico, quanto ci costa negare l'immersione linguistica?

Secondo un'analisi dell'associazione Decidere-entscheiden.net il carico è eccessivo. L'apprendimento delle lingue nella prima età scolare è di provata maggior efficacia e più economica. In una politica di buon senso, sarebbe utile superare il dilemma di questa o quella minoranza, salvaguardando i vantaggi della nostra autonomia. I costi del bilinguismo nella nostra provincia ci pongono in una condizione competitiva sfavorevole rispetto ad altre regioni. I corsi di apprendimento della seconda lingua gravano già in tutti quei Paesi che debbono recuperare, sul piano internazionale, uno svantaggio rispetto a quelli di madrelingua anglofona.

Così, anche in Alto Adige ci si deve far carico di acquisire la conoscenza della lingua inglese. I dipendenti statali con patentino ricevono un congruo incentivo, e buon per loro, ma a pagare sono sempre le tasche dei cittadini. Da una parte e dall'altra si fa ancora leva sulla divisione. Può darsi che vediamo ancora con diffidenza l'altro, ma se ci concentrassimo di più sulle nostre tasche, ne converremmo tutti che avere una lingua comune o due condivise, conviene.


Claudio Degasperi, Bolzano

Caro Degasperi, capisco il nobile intento, ossia trovare un'ulteriore ragione a favore dell'immersione linguistica. E so anche che lei ha ragione: dal punto di vista economico, oltre che pedagogico, prima si impara un'altra lingua e meglio è. Eppure mi piacerebbe che non riducessimo tutto ad una questione economica, schiavi di una deriva che sta deviando le nostre scelte collettive. Perché non si può ragionare sempre e solo con il metro del vil denaro: in un'ottica finanziaria, ad esempio, fare un figlio è una scelta perdente, ma fortunatamente molti decidono di diventare padri e madri senza curarsi del portafoglio. Nel mondo globalizzato — è ormai risaputo — la conoscenza è l'asso nella manica dei singoli e delle comunità. Ma la conoscenza non significa solo innovazione spinta, università ed Eurac, Tis e quant'altro: vuol dire anche essere in grado di comunicare al meglio in un mondo dove i confini sono sempre più labili. Certo, l'immersione linguistica è conveniente dal punto di vista economico, ma anche non lo fosse andrebbe perseguita ugualmente.

ma, fulmine a ciel sereno, arriva l’euro parlamentare. Michl Ebner:

..............................

Scuola, la figlia Cosima ha scelto di studiare un anno al liceo italiano Torricelli

Ebner: "Fate tutti come mia figlia"

di Mirco Marchiodi

L'europarlamentare Michl Ebner

Che a rompere il tabù dell’immersione sia stata proprio la figlia di Michl Ebner, esponente di spicco di quella Svp che all’immersione ha sempre opposto un decisissimo “nein”, ha sorpreso molti. Non lo stesso Ebner: «Io ritengo che tutto quello che si può imparare di più nella vita è utile. E lo sarà anche quest’esperienza». Ma l’europarlamentare ci tiene anche ad usare le definizioni corrette: «Si tratta di uno scambio, non d’immersione. Sono due cose diverse».

Cosima Ebner è figlia dell’europarlamentare Svp. Lunedì ha iniziato l’anno scolastico allo scientifico Torricelli. Farà un anno di scambio assieme a tre sue amiche, tutte provenienti dal liceo tedesco. Coraggiosa, l’hanno definita i suoi compagni. Forse perché ha infranto un tabù.

Onorevole Ebner, cosa ha risposto quando sua figlia le ha detto che voleva frequentare l’anno scolastico in un istituto italiano?

Premetto che non voglio certo giudicare la decisione di mia figlia in pubblico. Detto questo, l’idea iniziale era stata quella di un anno a Firenze. Io sono subito stato a favore di questa scelta, perché sono convinto che da quest’esperienza c’era solo da imparare qualcosa in più».

Possibile che uno studente altoatesino debba andare fuori provincia per imparare l’italiano?

«Non è solo una questione linguistica. Uno scambio è una grandissima possibilità per un giovane: si viene a contatto con la cultura, la mentalità, il modo di vivere»

.Però sua figlia non l’avrebbe certo mandata a Firenze per frequentare una scuola tedesca.

«No, sicuramente»

.Quindi la lingua resta un aspetto decisivo. Perché in Alto Adige la seconda lingua spesso non si impara abbastanza bene?

«Dipende. Io ad esempio ho frequentato la scuola tedesca, ma l’italiano l’ho imparato. Ci sono molti fattori che incidono, dalla spinta che arriva da parte dei genitori e degli insegnanti. Senza dimenticare che si punta sempre di più sull’inglese: molti si concentrano su questa lingua pensando che la seconda lingua si impari comunque».

Però non sempre è così: da parte italiana è forte la richiesta dell’immersione. Lei che ne pensa?

«Penso che l’immersione è ormai diventato un cavallo di battaglia per arrivare alle scuole miste».

Che lei non condivide.

«No, perché ci sono altre possibilità per imparare la seconda lingua».

Ad esempio?

«Ad esempio lo scambio. In Alto Adige è possibile farlo senza problemi, nel pieno rispetto dell’articolo 19 dello statuto. E all’aspetto della lingua si aggiunge il confronto diretto con l’a ltro gruppo linguistico. Io credo che è questa la strada da seguire, è qui che bisogna fare di più».
Però gli scambi sono per forza limitati, perché una classe non può accogliere più di un certo numero di studenti di un altro gruppo linguistico...

«Basterebbe estendere il progetto alle ultime tre classi delle superiori, invece che alla sola quarta».
Non sarebbe allora più semplice puntare sull’immersione, almeno su base volontaria?

«L’immersione volontaria può essere confrontata col modello ladino. Un modello che funziona nell’area ladina, ma che a livello provinciale non credo possa avere lo stesso successo».

Come mai?

«Perché non ci sono i numeri. Nel senso che soprattutto tra le famiglie tedesche non vedo molto interesse».
Eppure le famiglie miste lo chiedono...

«Ripeto, credo che l’interesse sia limitato. Del resto, lo è anche quello per gli scambi. Il progetto interessa una ventina di studenti in tutta la provincia. Sono delle eccezioni».

La sovrintendente dice che è un peccato...

«Ha ragione, lo penso anch’io. Se questa possibilità ci fosse stata ai miei tempi, l’avrei sicuramente presa in considerazione».
E come si fa ad aumentare l’interesse verso questa esperienza?

«Coinvolgendo i giovani con l’impegno quotidiano per realizzare le cose fattibili invece di mantenere posizioni di facciata».

(13 settembre 2007)

Il disagio linguistico, di enrico - 14 Luglio 2007

tags interni:disagio

Il tema del disagio dei cittadini di lingua italiana in Alto Adige, è riproposto ciclicamente.

Una delle manifestazioni di questo disagio è una scarsa capacità o propensione ad usare la lingua tedesca nelle comunicazioni interpersonali. Io credo che a Bolzano una scarsa conoscenza della lingua tedesca da parte dei cittadini di lingua italiana non vada vista semplicemente come uno dei fattori che producono il disagio, probabilmente ne è anche espressione.

Concludendo: Non avrei creduto che una risposta alla gentile signora Katrin Mall potesse trasformarsi in un vero e proprio DOSSIER.

Chiedo venia, e comprensione ai cortesi lettori, se mi sono permesso si tradurre ed esporre qui le inedite affermazioni di Bruno Hosp in materia di immersione e plurilinguismo. Evidentemente si tratta della interpretazione della Volkspartei di questo delicato problema.

Nello spirito di una nuova volontà di avvicinamento SVP-Forza Italia, forse il riflettere anche da parte degli italiani su questi scottanti problemi può portare a qualche soluzione. È l’auspicio di ATHESIS

________________________________________________________________

a) Hosp. Bruno: Multikulturalität – eine Illusion? - in „Südtirol in Wort u. Bild“ 1/1997

b) Hosp. Bruno: “Frattini-Vorschlag: Besorgniserregende Oberflächlichkeit“ in „Südtirol in Wort u. Bild“ 4/1996

c) Hosp. Bruno: “Ja zur Mehrsporachigkeit, nein zur gemischtsporachigkeit” in Südtirol in Wort u. Bild“ 1/2002

d) Statuto di Autonomia e norme di attuazione – Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - 2004

e) Dalla Risoluzione politica del XLII congresso – Merano, 19 novembre 1994 in: Grande enciclopedia della politica – La Südtiroler Volkspartei 1945/1994 ( pag. 161/162),

e) Hosp, Bruno: “tendenziöse Kampagnen stören friedliches Zusammenleben“ in “"Südtirol in Wort u. Bild“ 1/2003

f) Kühebacher, Egon: Ein neues “"Südtirol-Deutsch” – Pflege der Muttersprache – in “"Südtirol in Wort u. Bild“ 1/2002

g) Hosp, Bruno: „Südtirol Schulsystem“ international beachtetes Erfolgmodell“ in “"Südtirol in Wort u. Bild“ 3/2002

h) Hosp, Bruno: “tendenziöse Kampagnen stören friedliches Zusammenleben“ in “"Südtirol in Wort u. Bild“ 1/2003

...

where to buy abortion pills online pill for abortion online where to buy abortion pill
where to buy abortion pills online pill for abortion online where to buy abortion pill
buy abortion pill online abortion pill cytotec abortion
how to cheat i cheated on husband why wives cheat on husbands
online meet and cheat when married men cheat
married men who cheat my husband almost cheated on me types of women who cheat
married men who cheat my husband almost cheated on me types of women who cheat
do all women cheat why husband cheat husbands who cheat
catch a cheater i cheated on my husband signs of infidelity
catch a cheater redirect signs of infidelity
why women cheat on men read cheaters
how to catch a cheat why women cheat on men redirect
married men affairs go women who cheat on husbands
married men affairs go women who cheat on husbands
go who moved my viagra buy viagra or levitra
website why men cheat on beautiful women why do people cheat
read click here wife cheated on me
link married woman wants cheat I cheated on my boyfriend
will my husband cheat reasons why married men cheat online
click find an affair wifes that cheat
cheat women i cheated on husband how many men have affairs
women who like to cheat husband watches wife cheat my boyfriend cheated on me with a guy
women affair cheat husband my boyfriend cheated on me quotes
i cheated on my husband affair dating sites dating sites for married people
day after pill what is the cost of an abortion click
website morning after pill abortion what to expect with the abortion pill
women cheat on men redirect infidelity
reason women cheat My girlfriend cheated on me read here
reason women cheat My girlfriend cheated on me read here
phone spyware for android searchengineoptimization-seo.net spy camera android
my boyfriend cheated on me with my best friend go i had a dream i cheated on my boyfriend
My boyfriend cheated on me click wife cheat
married men that cheat go unfaithful wives
reasons wives cheat on their husbands tfswhisperer.com women who cheat on husbands
coupon for rite aid walgreens deals this week walgreens photo coupon codes
walgreens photo promo code 2015 walgreens coupon codes for photos walgreen printable coupons
clomiphene 100mg blog.myget.org clomiphene 50mg
rifaximin 200mg rifaximin pill gabapentin
rifaximin 200mg go gabapentin
cipro yovi.info propranolol 40mg
coupons for viagra open free viagra coupons
coupons for viagra open free viagra coupons
can i take losartan and eat grapefruit can i take losartan and eat grapefruit can i take losartan and eat grapefruit
can i take antabuse and naltrexone can i take antabuse and naltrexone can i take antabuse and naltrexone
lisinopril and ehlers-danlos lisinopril and ehlers-danlos lisinopril and ehlers-danlos
abortion clinics in dallas tx link getting pregnant after abortion
bystolic coupon save up to $20 generic name for bystolic
home remedies for abortion pictures of abortions abortion techniques
home remedies for abortion pictures of abortions abortion techniques
discount prescription drug card cialis discount coupon free printable cialis coupons
lisinopril lisinopril lisinopril
lisinopril lisinopril lisinopril
drug prescription card new prescription coupon discount prescription coupons
sumatriptan injection sumatriptan injection sumatriptan injection
www bystolic com coupon bystolic discount coupon
cialis ou viagra http://cialis20mgsuisse.com/ou/viagra cialis ou viagra
free printable cialis coupons read discount coupon for cialis
free printable cialis coupons read discount coupon for cialis
prescription discount coupon read coupons for cialis printable
voltarene gel ningchao.net voltarene gel
motilium chien click motilium 1mg/ml
detrola myhsbook.com distroller
detrola site distroller
prescription discount coupon racindirt.com cialis coupons from lilly
azithromycin 250 mg azithromycin 250 mg azithromycin for uti
kamagra gel kamagra kamagra effet
abortion pill abortion images pros of abortion
nootropil 800 mg nootropil buy nootropil piracetam
nootropil 800 mg nootropil wiki nootropil piracetam
rosuvastatin tablets blog.lakerestoration.com rosuvastatin crestor side effects
voltarenplast voltarene 100 voltarene
cialis sample coupon pristineschool.com cialis.com coupons
cialis sample coupon pristineschool.com cialis.com coupons
buy abortion pill abortion pill cost average abortion pill cost
feldene gel precio lasertech.com feldene gel
lilly cialis coupon prescription coupons coupon for prescription
duphaston iskustva duphaston forum duphaston 10 mg
abortion pill costs types of abortion pill natural abortion pill
coupons site couponing website online couponing sites
addyi menopause thebaileynews.com addyi 100 mg
pharmacy discount card americanstreethockey.com discount prescription drug cards
amoxicillin dermani haqqinda amoxicillin-rnp amoxicillin nedir
vermox prodej vermox cena vermox spc
cialis coupon codes cialis coupons online cialis trial coupon
abortion pill risks abortion clinics in houston tx abortion pill cost without insurance
acetazolamide migraine guitar-frets.com acetazolamide 250 mg tablets
voltaren patch voltaren krem fiyat voltaren gel
duphaston forum duphaston tablete kako se piju duphaston tablete
early abortion pill options definition of abortion pill pros and cons of abortion
vermox mikor hat vermox prospect vermox mikor hat
spontaneous abortion pill buy abortion pill free abortions
spontaneous abortion pill abortion pill free abortions
cialis free coupon prescriptions coupons free cialis coupons
cialis free coupon prescriptions coupons free cialis coupons
lilly cialis coupons ainalfaras.net coupon for prescriptions
buy abortion pill non surgical abortion pill what is an abortion pill
clomid testosterone clomid tapasztalatok clomid tapasztalatok
abortion pill alpinmontservis.cz buy abortion pill
abortion pill alpinmontservis.cz buy abortion pill
vermox pret corladjunin.org.pe vermox mikor hat
feldene gel precio corladjunin.org.pe feldene flas para que sirve
how much is an abortion pill ouralfreton.co.uk abortion pill law
amoxicillin amoxicillin amoxicillin antibiyotik fiyat
amoxicillin amoxicillin amoxicillin antibiyotik fiyat
neurontin 400 neurontin 400 neurontin gabapentin
having an abortion ameracorporation.com after abortion pill
abortion pill recovery abortion pill quotes when can you get an abortion pill
cialis free coupon cialis coupon 2015 cialis manufacturer coupon
Download ›/library/Dossier.pdf
Visto›2750  Voto›0   Commenta e rivedi   Leggi commenti